Fa i mercati di trading di aiutarvi più efficiente

Viene anno ribassista. Motivi e cause

Viene anno ribassista. Motivi e cause

Il mercato orso è la fase discendente del movimento del mercato azionario caratterizzato da aggiornamento costante delle citazioni bassi. "Mercato orso" spesso è definito come una caduta di almeno il 20% dello stock di l'indice S&P 500. Il problema è che nel momento in cui gli esperti tirano fuori un verdetto che siamo veramente in un mercato orso, l'indice ha già perso il 20% dal suo picco. Molti di loro sono stati probabilmente dicendo agli investitori di acquistare sui cali durante la discesa.

2016 può passare per un investitore sotto il segno dell'Orso: le grandi banche di investimento prevedono un declino a lungo termine in tutti i segmenti del mercato azionario. Così, gli analisti di JPMorgan Chase per la prima volta in sette anni sono in grado di vendere le azioni anche a un raduno previsto. E strateghi da RBS consigliano i loro clienti di "sbarazzarsi di tutto, tranne che di obbligazioni di alta qualità".

I rischi di mercato di quest'anno continuano a crescere a causa della recessione globale. Secondo gli analisti bancari, si tratta di fare gli investimenti aziendali a lungo termine, non solo pochi benefici, ma anche pericolosi.

Dietro alla depressione

Secondo Alan Ruskin, il capo del gruppo occupato delle valute dei paesi in via di sviluppo nel dipartimento di New York di Deutsche Bank, entro la fine del trimestre in corso, l'euro scenderà a $1,05, e durante il 2016 scende sotto la parità con il dollaro.

La sua fiducia in linea "orso" scelta ha rinforzato i dati pubblicati lunedi sulla dinamica dei prezzi al consumo nella zona euro. Possono probabilmente spingere la Banca centrale europea (BCE) per l'allentamento ulteriore della politica monetaria, riferisce Bloomberg.

L'indice dei prezzi al consumo (CPI) nella zona euro nel mese di febbraio è sceso dello 0,2% in termini annuali, dopo un aumento dello 0,4% nel mese precedente, mentre gli economisti, in media, è previsto un cambio pari a zero. Quindi, la deflazione è tornato alla zona euro per la prima volta dal settembre dell'anno scorso, quando l'indice dei prezzi al consumo è sceso dello 0,1%. E 'stato il più alto di intensità da febbraio del 2015.

Temiamo che il prossimo report aziendale per il quarto trimestre non sarà in grado di fornire la fiducia nel mercato azionario - ha detto Matejka.

Il rallentamento nella produzione degli Stati Uniti per la prima volta dal 2008 ha spinto i margini di profitto, che sono stati calcolati dalla banca d'investimento per le aziende nel quarto trimestre, alla zona negativa. L'indice ISM di dicembre nel settore industriale del paese, che è stato pubblicato la scorsa settimana, è sceso al 48,2% contro il 48,6% nel mese di novembre. E questo è diventato il livello minimo dai tempi della Grande Depressione.

Le lezioni di 2008

Il governatore della Banca di Francia e membro del Comitato esecutivo della BCE Villerua de Galo ha detto nella sua intervista al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Sonntagszeitung durante il fine settimana che la deflazione è la minaccia principale per l'economia della zona euro durante l'anno ribassista. Inoltre, ha aggiunto, che tutti noi dovremmo prendere una lezione dal 2008. Inoltre ha sollevato aspettative di programma di stimolo della Banca centrale europea nel corso della riunione di marzo.

By Chief Financing 13.09.2016

Altri articoli interessanti dagli esperti