Fa i mercati di trading di aiutarvi più efficiente

Dove investire nei mercati in declino

Dove investire nei mercati in declino

Il ritorno ad una media pluriennale dei mercati finanziari nel corso 2016 costituisce una speranza per la ripresa di alcune altre tendenze. In particolare, le materie prime e l'oro devono sentire il fondo, e, di conseguenza, può essere un buon momento per investire in tali attivi. Purtroppo, questo non nega l'atteggiamento che il fondo deve ancora essere raggiunto. E prima di recuperare la situazione che sta per diventare anche un pò peggio.
L'investimento in oro forse è uno dei strumenti di investimento a lungo termine più affidabili. Se guardate il grafico, l'oro sale di prezzo con la situazione economica instabile e viceversa. Non è che l'investimento perfetto in calo dei mercati? Negli ultimi 10 anni il prezzo dell'oro è aumentato 6, 8 volte! I produttori d'oro sono limitati e questo è il fatto che aumenta il suo valore. Secondo alcuni analisti, l'oro può diventare una valida alternativa alla carta moneta in futuro.

Mercati in declino

Ma è anche necessario di tener conto del fatto che l'oro è in grado di recuperare l'interesse degli investitori solo in caso di inversione costante della inflazione globale nella direzione di accelerazione. E questo è sembrato possibile solo dopo 3-6 mesi di tempo in seguito alla stabilizzazione dei prezzi del petrolio. In accordo con la previsione di consenso che il petrolio raggiungerà fondo nel primo trimestre, il terzo può essere indicato il rimbalzo in oro.
Fino a questo punto le quotazioni di questo metallo prezioso possono perdere più del 15%. Anche il prezzo può abbassare più vicino a 900 dollari l'oncia rispetto agli attuali 1075. Il gran numero di altre tendenze potrebbe anche aiutare a questa riduzione.
Cina e India insieme rappresentano circa il 40% del mercato della gioielleria. E il rallentamento in Cina solleva dubbi che nel periodo di vacanza che viene, la domanda dei consumatori per i gioielli sarà eccessivamente alta. Le tendenze stagionali suggeriscono anche che dopo le feste gennaio-febbraio, il mercato è seguito da un periodo di calma, che sopprime il prezzo. Ma se si sarebbe sovrapposta dalla debolezza del petrolio e dalla ripresa del trend di crescita del dollaro, l'oro darà il segno di 1000 dollari per oncia, che è una barriera psicologica importante.
Tuttavia, le prospettive a lungo termine del metallo prezioso sembrano molto ottimiste. Assolutamente non ci sono i dubbi che la politica monetaria attuale delle banche centrali delle maggiori economie è anormalmente stimolante. Anche se questi paesi si riprenderanno dalla crisi finanziaria, la crescita monetaria non sta alimentando l'inflazione, ma ben presto (entro la fine del prossimo anno) la pressione interna del mercato del lavoro costringerà questa tendenza da invertire.
Ma ancora ci sono poche possibilità che la Banca centrale potrebbe alzare i tassi d'interesse più velocemente di quanto l'inflazione è diventata recuperata. Così l'anno prossimo può essere visto come l'anno di inversione d'oro, ma prima che ha bisogno ancora di sentire il fondo a livelli due volte inferiori di picco, cioè a livello di $ 900-950 per oncia.

By Chief Financing 25.07.2016

Altri articoli interessanti dagli esperti